Endodonzia e devitalizzazione

illustrazione che raffigura il trattamento ondodontico della devitalizzazione

L’endodonzia è la branca dell’odontoiatria che si occupa di trattare i tessuti interni del dente, nello specifico la polpa dentaria anche considerata il “nervo del dente”, in quanto responsabile del tremendo mal di denti che si avverte quando un dente è compromesso. Il trattamento endodontico più comune è la c.d. “devitalizzazione”.

La devitalizzazione di un dente

La devitalizzazione è un intervento odontoiatrico necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta, cosa che può verificarsi per diversi motivi:

  • per un danno provocato da una carie profonda,
  • per un danno provocato da un trauma lieve e frequente,
  • per un danno provocato da un trauma acuto  che  può aver provocato una frattura o un’incrinatura del dente con conseguente infiammazione della polpa.

Nel primo caso, man mano che la carie diventa più profonda raggiunge la polpa e crea il dolore tipico pulsante e persistente.

In generale l’Endodonzia mira a conservare i denti che hanno ricevuto un danno grave alla loro struttura che ha portato all’infezione e alla necrosi della polpa, con ripercussioni acute o croniche dei tessuti circostanti, più o meno dolorose.